La sfida infinita

118^ derby della lanterna, con le squadre belle motivate, in particolare il Genoa (ritorno al 3/5/2 di Prandelli) con Bessa e Pandev in super forma.

GENOA (3-5-2): Radu; Biraschi, Romero, Criscito; Pereira, Rolon, Miguel Veloso, Bessa, Lazovic; Pandev, Kouamé.

La Sampdoria spera di non farsi sfuggire l’Europa dopo le ultime due sconfitte, mentre il Genoa vuole il successo contro i rivali di sempre per consolidare la classifica.

La sfida Quagliarella-Pandev sarà certamente interessante, la seguiremo da vicino con ForzaGenoa.com.

Prandelli schiera una squadra coraggiosa, con Rolon e Veloso a centrocampo, Kouamè e Pandev in attacco.

Primo tempo

1′ minuto: fantastico tiro a giro col sinistro di Kouamé, palla che esce di pochissimo.

La prima emozione è rossoblu, ma Linetty risponde con un gran tiro sul primo palo da sinistra, gran parata di Radu.

Al 3′ minuto goal di Defrel, che sfrutta un traversone basso e molto forte dalla destra per metterla in rete con un tocco centrale, che sorprende Radu.

I grifoni rispondono con energia, creando alcune azioni interessanti, ma la Sampdoria sembra più veloce e organizzata tatticamente e riparte con pericolose scorribande offensive.

Al 9′ punizione di Ramírez respinta da Radu.

al 22′ tiro di sinistro di Veloso, troppo angolato: fuori di diversi metri.

Le due squadre si alternano nelle discese, ma sono poche le occasioni di particolare rilievo da poter commentare.

Al 28′ azione veloce della Samp con conclusione al volo di Praet (imbeccato da un cross di Murru), che termina di poco fuori sbattendo sulla rete.

Al 35′ incredibile pasticcio difensivo del Genoa che favorisce un pallonetto di Quagliarella, che supera Radu ma viene deviato sulla linea da Biraschi.

Al 40′ tiro di Veloso molto forte e preciso, parato in corner.

al 42′ ottima azione del Genoa con verticalizzazione di Kouamè, solo davanti al portiere ma purtroppo in fuorigioco.

Al 44′ azione della Samp con cross potente in mezzo all’area che coglie Quagliarella in leggero contropiede.

Finisce il primo tempo con il Genoa sotto di un goal.

Secondo tempo

49′: tiro sballato di Quagliarella, fuori di molto.

Al 50′ un rimpallo in area finisce sul braccio di Biraschi, calcio di rigore.

Biraschi viene espulso per aver fermato una chiara occasione da goal, la partita si complica.

Sul dischetto Fabio Quagliarella: goal.

Sampdoria 2 Genoa 0.

56′: Pandev entra velocemente in area, ma non riesce a concludere dopo un contrasto con Ekdal.

Entra Lerager al posto di Rolon.

Azione di Bessa al 60′, il cross al centro dell’area non viene sfruttato a dovere dai compagni di squadra.

Il Genoa continua a sviluppare gioco ancora in maniera convinta, con Bessa e Veloso che si rendono pericolosi per due volte vicino alla porta della Sampdoria.

72′ entra Sanabria al posto di Kouamè.

Al 78′ fuori Bessa per Favilli: Prandelli ci prova con le tre punte.

82′: Pandev si procura una punizione dal limite: Sanabria calcia altissimo.

La partita ora è parecchio nervosa e interrotta da continui falli tecnici.

Si chiuderà al 94′, pochi minuti ancora per provare a costruire qualche occasione da goal per i grifoni.

Al 92′ tiro-cross di Lerager, uno dei migliori del Genoa nel secondo tempo: bloccato da Audero.

Al 93′ Quagliarella ha l’occasione per chiudere sul 3-0, ma il tiro a bruciapelo trova Radu prontissimo: il portiere devia in corner.

Si chiude qui il derby, con il Genoa che ha giocato una buona partita contro una Sampdoria sicuramente più attrezzata dal punto di vista tecnico.

Per il Genoa e per Prandelli il rammarico è quello di aver preso un goal nei primi secondi di gioco, dove ancora si potevano nutrire speranze diverse: in ogni caso il rigore causato nel secondo tempo da Biraschi ha levato ogni velleità alla squadra.