Milan-Genoa 2:1

Squadra abbastanza in palla, abbiamo giocato molto bene mettendo il Milan più volte in difficoltà.

Il Genoa c’è, ragazzi: Juric dovrà trovare il modo per innescare meglio l’attacco, perché non possiamo aspettare che segnino sempre difensori o centrocampisti.

E speriamo che continuino a tacere le voci di mercato su Piatek, magari si ricorda che gioca ancora per noi.


Radu 

7 tra i pali, 3 nelle uscite: peccato, uno dei migliori fino alla “donnarummite” che lo ha colto negli ultimi minuti, in cui si è improvvisato campione di boxe. Una delle sue migliori partite e scoccia rifilargli un 5.

Biraschi

Sarebbe pronto per la Nazionale. Instancabile, lotta su ogni pallone producendosi anche in dribbling e cross dalla trequarti. Un giocatore dalle svariate potenzialità, potrebbe essere molto utile a Mancini. 7.

Gunter

Cerca di svolgere il suo ruolo diligentemente e riesce ad evitare che Higuain diventi pericoloso. Buonissima gara, rende la difesa solida nonostante svariati tentativi dell’attacco milanista. 7.

Criscito

C’è sempre, con forza, con velocità, con lucidità, fino alla fine. Un vero Capitano, resta al suo posto a presidiare l’area senza mai sbagliare una virgola. Gara incredibile, con un giallo che gli costerà l’Inter. 7.

Lazovic

Si muove tantissimo ma con poco costrutto. Gli capita una buona occasione nella ripresa ma la spreca. 6.

Romulo

Aggressivo ma lontano da una buona condizione, disputa una gara in sordina senza giocare molte palle. 6.

Mazzitelli

Prova da regista per il giovane romano, che lotta e corre fino ad avere i crampi. Poco concreto. 5.

Bessa

Meno grintoso e presente rispetto alle ultime due gare con Juve e Udinese, si fa notare in attacco con alcuni inserimenti poco riusciti. Una gara opaca, forse accusa un po’ di stanchezza. 5,5.

Zukanovic

Sempre in difficoltà nel rincorrere Suso. Tutti ormai conoscono il movimento dello spagnolo che si porta la palla da destra a sinistra, eppure ha avuto più occasioni oggi che in tutta la stagione dei rossoneri. 5,5.

Kouamè

Io lo vorrei in tutte le posizioni. Se si potessero avere undici Kuamès li schiererei tutti, ogni maledetta partita. Il ragazzo ha voglia, grinta, capacità, scatto, velocità ed è molto concreto quando si tratta di cross dalla sua fascia o assist per l’impalpabile Piatek. Imprendibile. 9.

Piatek

Se non fosse per quella mezza girata di destro nel primo tempo, peraltro terminata fuori, resterebbe senza voto. Pare non entrare mai in partita: lontano dalla manovra, non propone passaggi, non scatta. In totale momento di involuzione. Spero che mi smentisca con ventimila goal nelle prossime partite. Ghost. 5.

Omeonga

Entra per una manciata di minuti ma riesce ad interdire bene a centrocampo, impedendo che il Milan riparta più velocemente sul finale di gara. 6.

Veloso

Presto per vederlo in forma, comunque per quanto si è visto ha fatto bene. 6.

Pandev

s.v.


Juric

Da quando lui è tornato al Genoa, Piatek è andato in totale paranoia. I casi sono due: o il croato non ha ancora trovato la maniera di far girare la squadra in attacco, o al polacco non vanno a genio le tattiche del proprio allenatore. C’è qualcosa da chiarire. Oggi era comunque da sostituire prima: decide di cambiarlo, fa scaldare Pandev, prepara il cambio, poi cambia idea. Confuso anche su Mazzitelli, non è un regista. 5.