Partita amichevole, tocca a Veloso?

Oggi Juric potrebbe provare Miguel Veloso, che dopo il recupero fisico delle scorse settimane può diventare un tassello fondamentale per il blocco di centrocampo del Grifo.

Veloso si è allenato bene ed è mentalmente pronto per affrontare il campionato: il trentaduenne fantasista portoghese si è espresso positivamente sulla propria condizione: “Sono pronto e carico, non vedo l’ora di mettermi a disposizione della squadra. Mi ero già trovato bene con Juric. Propone un calcio propositivo adatto alle mie caratteristiche“.

Certo, avere un altro giocatore dai piedi buoni da affiancare a Bessa, o pronto a subentrare in caso di sostituzione, è di sicuro un’ottima arma per l’allenatore croato.

A ruota libera

Veloso ha rilasciato altre dichiarazioni che in un certo senso apprezziamo, ma per certi versi fanno riflettere sulla mentalità generale che una squadra con il blasone del Genoa dovrebbe già possedere a prescindere.

“Dobbiamo pensare inizialmente alla salvezza quale obiettivo primario. Solo in un secondo tempo, a salvezza raggiunta, potremo pensare ad altro”.

Se mi permettete, cito il grande Zdenek Zeman, che, parafrasando, diceva che ogni squadra dovrebbe iniziare il campionato pensando di poterlo vincere. Altrimenti non avrebbe nessun senso partecipare.

William Hill IT Italiano

Era questa mentalità a rendere così speciali le squadre di Zeman: pur non avendo mai primeggiato, avevano sempre quel furore agonistico da pirati dei caraibi che è una delle condizioni necessarie (anche se non sufficienti) per vincere, sempre.

Penso che in questi anni stia mancando questo, al Genoa: qualcuno che dica “cazzo, quest’anno ci saremo anche noi a combattere per lo scudo!”.

Perchè nonostante ci manchino i Ronaldi e gli Icardi, quando si lotta non si molla un centimetro e si può giocarla alla pari ,in qualsiasi condizione. La gara con la Juve l’ha dimostrato.

I giocatori ci sono, il carattere c’è, la grinta va alimentata da tutto l’entourage. Il fuoco non va spento, va curato e alimentato, anche quando piove.

La mentalità si costruisce partita dopo partita, ma se un giocatore dice una certa cosa è perchè viene trasmessa dall’alto.

E Forza Genoa sempre.

 

(foto credits: Virgilio Sport)