A Villa Rostan con Perinetti

Cesare Prandelli è arrivato questa mattina a Villa Rostan, pronto per la firma del contratto che lo legherà al Genoa per le prossime partite.

Si è detto affascinato dal Ferraris, pronto ad un lavoro importante ma con la sicurezza di poter raggiungere gli obbiettivi prefissati.

Ha chiesto l’aiuto di tutti i tifosi affinché continuino a supportare la squadra in campo e fuori.

L’ex allenatore della nazionale è parso carico ed emozionato.

Ha parlato di società “stoica” (vero, ma pensiamo volesse dire “storica”). La lotta fa parte del nostro DNA: ora ci auguriamo che Prandelli, alla sua ottava esperienza in serie A, abbia voglia di riscatto tanto quanta ne abbiamo noi: trasmetterla alla squadra è il suo impegno.

Ci auguriamo che sia una cavalcata che ci faccia rimontare qualche posizione e che tutti, nell’ambiente Genoa, possano togliersi le soddisfazioni che meritano.

Preziosi e il mea-culpa su Juric

Intanto il Presidente Enrico Preziosi ha ammesso di aver sbagliato a richiamare Ivan Juric, nonostante fosse certo che il tecnico Croato potesse riscattare il ricordo dell’ultima sessione come allenatore.

Si è invece lasciato andare su Prandelli, che è certo potrà riportare il Genoa tra le prime dieci della Serie A.

Sono sicuro che Prandelli metterà a posto le cose, sono convinto che finiremo la stagione nella parte sinistra della classifica. A Gennaio interverremo sul mercato per i rinforzi che saranno necessari, stiamo già seguendo alcuni giocatori. Non mi arrendo, è un momento difficile ma passerà. Vendere il Genoa? Cederò solo se troverò persone serie, non lo regalo certo a chi non mi dà garanzie di tenerlo in alto. Si propongono in tanti, anche ora, ma offerte serie non ne arrivano”.

Domani alle 11:30, durante la conferenza di presentazione del nuovo “mister” (sala stampa del Centro Signorini) sapremo tutti i dettagli del nuovo incarico e sarà l’occasione giusta per capire con che modulo giocherà il Genoa nelle prossime sfide.

Ci auguriamo che si abbracci un sano 4-4-2.

 

 

Credits Photo: Genoa CFC Tanopress